La videosorveglianza è uno dei componenti fondamentali di quei sistemi di sicurezza più diffusi ed efficaci a cui banche, negozi, uffici pubblici, ma anche utenti privati si affidano sempre più frequentemente. Questo sistema si realizza mediante l’utilizzo di telecamere che permettono di visualizzare immagini in tempo reale oppure registrate, al fine di monitorare determinati ambienti o aree così da poter individuare eventuali situazioni di pericolo e conseguentemente organizzare l’opportuno intervento da parte degli istituti di vigilanza.

Un sistema di videosorveglianza può essere ideato in modi diversi, con costi e funzionalità differenti in base all’utilizzo a cui l’impianto verrà destinato. Avremo quindi sistemi di videosorveglianza basati su segnali analogici che vengono trasmessi a sistemi di videoregistrazione digitali che possono trasmettere le immagini su rete, oppure sistemi di videosorveglianza interamente basati su tecnologie digitali ovvero su segnali numerici, adatti all’elaborazione su pc e trasmissione su rete dati.

L’ideazione di ogni sistema di videosorveglianza inizia con la scelta del modello di telecamera più consono allo scopo che si desidera perseguire, solitamente vengono utilizzate telecamere che sfruttano la tecnologia IP (Internet Protocol). Ma cosa significa? Sostanzialmente la formula IP prevede una serie di telecamere che invece di collegarsi ad un videoregistratore sequenziale si collega ad un video server, ovvero un computer in grado di convertire i segnali delle telecamere in pacchetti di dati digitali che vengono inoltrati sulla rete e controllabili sia attraverso la rete locale che attraverso internet o addirittura tramite un cellulare di ultima generazione. Questo tipo di sistemi offre anche la possibilità di gestire in remoto più sistemi da un’unica postazione e consente l’estensione del controllo delle immagini alle forze di pubblica sicurezza.

Contrariamente ai sistemi di monitoraggio tradizionali a circuito chiuso, gli utenti autorizzati possono, ovunque si trovino, osservare i siti sorvegliati, consultare lo stato del sistema di allarme, ma anche attivare o disattivare il proprio sistema di allarme e ogni impianto collegato alla sua rete video IP, ciò rende questa nuova tecnologia uno dei sistemi più popolari e commercialmente di successo anche grazie alla compatibilità con le installazioni analogiche e ad una notevole flessibilità del sistema, che permette di collegare un numero illimitato di videocamere direttamente ad una rete intranet/internet.

Tra i numerosi vantaggi di un sistema digitale rispetto a quello analogico non è da sottovalutare quello economico: l’alimentazione di una telecamera analogica è indubbiamente più costosa rispetto a quella di una telecamera di rete la quale si alimenta semplicemente attraverso un unico cavo di rete che consente di trasmettere centinaia di flussi video simultanei.